A.jpg B.jpg C.jpg D.jpg E.jpg F.jpg

ULTIMO VIDEO

NEWSLETTER

Iscriviti

Un solo click per ricevere tutte le informazioni da Pd Anzio
Grazie

CONTRIBUISCI

Currency:
Amount:
   
 logopdanzio

PARTITO DEMOCRATICO

Circolo di Anzio "ANGELO VASSALLO"

VIA ALDOBRANDINI, 11

00042  ANZIO - (ROMA)

DIRETTIVO DEL 4 GENNAIO 2018-01-06

DOCUMENTO DI SINTESI

Venti anni di amministrazione di centrodestra hanno prodotto danni enormi, si è ormai oggettivamente evidenziato, anche ai più scettici e più indulgenti di tale sistema di potere, il fallimento del progetto politico/amministrativo  degli ultimi 20 anni rendendo Anzio più povera e più simile alla periferia romana.

Oltre ciò è stato possibile consolidare un malcostume nella pratica amministrativa caratterizzata da comportamenti di corruttela rispetto ai quali è necessario porre un argine.

Gli ultimi avvenimenti giudiziari, che hanno portato all'arresto di dipendenti e rappresentanti istituzionali dell'amministrazione comunale, hanno evidenziato in maniera eclatante come le nostre preoccupazioni, espresse in più occasioni, circa l'emergenza legalità siano oggi una questione centrale per la nostra città.

La questione morale ​è il punto da cui partire per segnare una discontinuità netta con chi ha governato fino ad  ora; da qui nasce il richiamo al senso di responsabilità che ci impone di assumere decisioniche in tempi brevi e non più rinviabili definiscano le proposte, che  partendo dalla consapevolezza che senza legalità e trasparenza non può esserci né crescita né sviluppo, essendo questo un binomio inscindibile e affrontino:

Il tema dei rifiuti,

oggi al centro delle inquietanti vicende giudiziarie riguardanti la nostra città e non solo,  deve essere ricondotto alla legalità e alla normalità sia in termini di costi che di qualità del servizio, occorre avere certezza nell'applicazione del contratto e dei suoi contenuti, e averechiarezza sulla chiusura del ciclo dei rifiuti mediante l'utilizzo di impianti adeguati e dimensionati alle esigenze del territorio;  nonché predisporre nei primi 100 giorni della nuova amministrazione una ipotesi di gestione diretta del comune (anche in forma associata con i comuni contermini);

Il tema della pianificazione urbana

partendo dalla necessità di bloccare il consumo del suolo puntando invece sulla rigenerazione urbana e sul rilancio qualitativo e dei servizi del centro storico;

La questione del Porto

con la consapevolezza che esso è una ricchezza della città che va salvaguardata e che è uno dei pilastri di ogni progetto di sviluppo. Per questo riteniamo che la ridefinizione del progetto, così come proposto  irrealizzabile, sia un atto necessario anche per renderlo economicamente sostenibile, salvaguardando e rafforzando, ovviamente, la natura pubblica del porto;

La riorganizzazione della macchina amministrativa

è indispensabile rigenerare la  pratica amministrativa finora offuscata da distorsioni e illegalità, ripristinando il normale  rapporto tra responsabilità politica e amministrativa. L'efficienza della macchina amministrativa è determinante per la qualità dei servizi erogati, nella nostra città oggi  molto carenti, occorre quindi  una riqualificazione della macchina amministrativa  agendo sulla qualità delle prestazioni, sulla formazione del personale, sulla dislocazione delle  risorse in modo funzionale alle esigenze dei cittadini curando con particolare attenzione la qualità dei servizi resi;

Il tema dell'integrazione

partendo dalla proposta di variazione dello Statuto Comunaleper l'elezione del delegato del Sindaco all'immigrazione. 

Sulla base di queste proposte, che poniamo al più ampio confronto con tutte le forze  disponibili, in un quadro di centrosinistra largo ed aperto anche a quelle realtà civiche che vi si ritrovano, vogliamo definire una alleanza che condivida valori, contenuti ed obiettivi idonei ad avviare quel rinnovamento di idee e  strategie, compresa l'individuazione di una candidatura a Sindaco capace di rilanciare la città.

Al fine di favorire il raggiungimento degli obiettivi indicati, che impongono alla luce del  grave quadro politico e giudiziario scadenze immediate, non oltre il mese di gennaio, e con la necessaria assunzione della massima responsabilità, già richiamata, per raggiungere un obiettivo unitario si conviene l’istituzione di una delegazione trattante guidata dal segretario locale che preveda una rappresentanza del direttivo locale, (2 componenti) ai quali aggiungere per funzione   Aurelio Lo Fazio (membro della Segreteria Regionale) e Gianni De Micheli (Vice Segretario Provinciale) che insieme al segretario avvieranno da subito il confronto con le forze politiche e i movimenti. 

 

Approvato all’unanimità

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna